Ciao Utente e benvenuto nel Forix Forum!
Al fine di garantire una corretta navigazione, con la possibilità di usufruire di tutte le fantastiche funzioni che il forum ti offre, ti invitiamo a registrarti. La procedura di registrazione dura meno di 1 minuto, e fatto ciò, potrai subito navigare tra i migliaia di topic presenti nel sito, chiedendo aiuto inerente a qualsiasi cosa, oppure potrai arricchire la community pubblicando nuovi argomenti oppure commentando con riflessioni, risposte e critiche su argomenti già presenti.
Diventa parte attiva di questo sito. Ti aspettiamo!

Non sei connesso Connettiti o registrati

Manovra, si vota la fiducia in Senato

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Spacca


Lover Member
MILANO - Riprende la discussione al Senato sulla manovra economica anche alla luce delle ultime modifiche apportate martedì dal governo. In giornata l'esecutivo, che ha posto la questione di fiducia (la 49esima dall'inizio della legislatura) sul maxiemendamento che contiene le correzioni, licenzierà il provvedimento.
IL CALENDARIO DELLA GIORNATA - Prima ancora che il testo con i ritocchi dell'esecutivo venisse depositato in Aula, ha preso la parola a Palazzo Madama, in sede di replica, il relatore di maggioranza Antonio Azzollini che ha illustrato, in breve, le modifiche del governo, già anticipate dalla stampa, senza però aver in mano alcun testo. Po, la seduta è stata sospesa per la conferenza dei capigruppo. Il voto di fiducia è fissato per le 20, mentre alle 12 riprende il dibattito sul maxiemendamento. Alle 18 è prevista la diretta tv con le dichiarazioni di voto, mentre dopo le 19 comincerà la prima chiama dei senatori sulla fiducia.

I NUMERI - Intanto, dalla relazione tecnica al maxiemendamento presentato in Senato emerge che il provvedimento impatta positivamente sul deficit per 4,342 miliardi di euro nel 2012, 4,399 mld nel 2013 e 4,389 mld nel 2014. Nel 2011 invece l'impatto sull'indebitamento netto è di 700 milioni. Quasi tutto il gettito aggiuntivo arriva dal ritocco dell'aliquota Iva dal 20 al 21%. L'introito netto per la finanza pubblica del contributo di solidarietà ammonterà a 53,8 milioni di euro per il 2012 e di 144,2 nei successivi due anni. L'ammontare annuo del contributo ammonterà a 269 milioni di euro annui. Ma il gettito netto diminuisce a causa della sua deducibilità, il che porterà un minor gettito sia sull'Irpef (210 milioni nel 2012 e 120 nei due anni successivi) che sulle addizionali regionale (meno 3,6 milioni) e comunale (1,2 milioni). Quanto all'Iva, l'innalzamento di un punto dell'aliquota (dal 20 al 21%) porterà un maggiore gettito di 700 milioni di euro nel 2011 e di 4.236 dal 2012.


CONDONO 2002 - Nel maxiemendamento, inoltre, è previsto che «per i soggetti che hanno aderito al condono di cui alla legge 27 dicembre 2002, n. 289, i termini per l'accertamento ai fini dell'imposta sul valore aggiunto pendenti al 31 dicembre 2011 sono prorogati di un anno».

Redazione Online
07 settembre 2011 10:44

fonte: ilcorriere.it

Vedere il profilo dell'utente
Condividere questo articolo su : Excite BookmarksDiggRedditDel.icio.usGoogleLiveSlashdotNetscapeTechnoratiStumbleUponNewsvineFurlYahooSmarking

Nessun Commento.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum